Due stelle ballerine, a 10.000 anni luce. Scoperta italiana

Pagina aggiornata il 13 Febbraio, 2024

Usciamo un po’ dall’attualità di questi giorni che sta saturando ogni spazio libero d’informazione (per i lettori che leggeranno in futuro, mi riferisco all’emergenza epidemica del Covid-19, con il conseguente “lockdown”, o “confinamento”) e attraversiamo i confini terrestri per addentrarci nello Spazio profondo.

Proprio oggi è stata divulgata una notizia che riguarda un’affascinante e “romantica” scoperta tutta italiana in astronomia.

Coinvolti nell’osservazione alcune persone dei gruppi astrofili Galileo Galilei e Palidoro, insieme all’Unione Astrofili Italiani (UAI) e l’Università di Siena, l’Osservatorio Nastro Verde.

Dopo la scoperta dello scorso dicembre (2019) del primo sistema binario chiamato “GUNVAG1”, sempre nella costellazione Auriga, ecco scoperto il secondo, “GUNVAG2”. Un nuovo avvistamento riconosciuto a livello internazionale dall’American Association of Variable Star Observers (AAVSO).

Si tratta di un sistema binario, chiamato appunto GUNVAG2, nella costellazione Auriga; due stelle che danzano l’una intorno all’altra, in una continua eclissi reciproca, a circa 10.000 anni luce da noi, dal nostro Sistema Solare (inizialmente sono stati diffusi altri dati: 6.000 e 25.000 anni luce).

Impiegano 9 ore e 54 minuti a completare la rotazione. La più grande è color bianco/azzurro ed è di classe G5, mentre la minore, color arancio, è di classe M0.

Gli autori hanno dichiarato: “Pensiamo si tratti di una stella principale, che sottrae materia alla sua compagna“.

Una scoperta che ha trovato spazio sul bollettino dell’American Association of Variable Star Observers (ecco il collegamento alla pagina: Gunvag2 su Aavso.org).

Scoperta a cura di:
G. Mazzacurati, P. Zampolini (GrAG), G. Conzo, M. Moriconi (Astrofili Palidoro), G. Bianciardi (Università di Siena & UAI), N. Ruocco (Nastro Verde)

Questa pagina è stata scritta da un appassionato dell’argomento, non da un professionista del settore. Nel nostro sito web potrete trovare altri articoli simili come ad esempio “La velocità della Terra nello Spazio“, oppure “Il corpo celeste più grande dell’Universo“, o ancora “Quanto è grande l’Universo?“.

Astronomia, l'uomo e l'Universo
Astronomia, Universo – Photo by Greg Rakozy on Unsplash

Testi semplici, senza troppi termini tecnici, adatti a lettori di tutte le fasce d’età e preparazione scolastica.

Lascia un commento